Lombardia Europa 2020

Pubblicato giovedì 15 aprile 2021

I Comuni del Milanese fanno rete per andare in Europa

Anche grazie al Seav gli enti locali riusciranno a portare sui territori una parte del Recovery plan

di Redazione Lombardia Europa 2020

giovedì 15 aprile 2021

Una cinquantina di amministratori dell’area metropolitana partecipano all’iniziativa di Anci - in collaborazione con Città metropolitana - che punta ad attivare un Ufficio europeo a servizio degli enti locali


Altro passo importante verso l’Europa per i comuni dell’area metropolitana milanese che vogliono fare rete per cogliere le opportunità offerte dalla programmazione europea. Si è tenuta oggi alla presenza di una cinquantina di tecnici e amministratori degli enti locali il seminario informativo sulla Convenzione, l’atto che darà vita all’Ufficio Europa nel quale confluiranno per aree omogenee i Comuni della Città metropolitana che partecipano al Progetto Lombardia Europa 2020, voluto da Anci Lombardia, Regione Lombardia, Provincia di Brescia e coordinato dalla Città metropolitana di Milano, per far crescere la capacità amministrativa di tecnici e amministratori nella progettazione europea.

Il SEAV, Servizio Europa d’Area Vasta, raggrupperà non solo i comuni che da mesi sono al lavoro nell’ambito del progetto ma anche altri che vorranno parteciparvi. I vantaggi dell’appartenenza al Seav territoriale saranno molteplici, come ha spiegato Giovanni Bursi, coordinatore dei Seav Coach territoriali. “Informazione sui bandi disponibili – ha sottolineato -, formazione continua e personalizzata, orientamento con webinar informativi specifici, ricerca dei partner grazie all’Ufficio di progetto aperto a Bruxelles presso la sede di rappresentanza di Regione Lombardia, almeno 5 europrogettazioni seguite da esperti di Anci che faranno atterrare sui territori risorse in risposta ai bisogni. Il tutto a costo zero per le amministrazioni che aderiscono e che sottoscriveranno la Convenzione nelle prossime settimane”.

L’evento è stato introdotto da Francesco Vassallo, Consigliere delegato all’Innovazione della Città Metropolitana e sindaco di Bollate, e ha visto gli interventi di Antonio Sebastiano Purcaro, Segretario e Direttore Generale della Citta Metropolitana, di Carmine Pacente, Presidente del Dipartimento Europa di ANCI Lombardia e Responsabile del Coordinamento della Progettazione Europea della Città Metropolitana, di Egidio Longoni, Vicesegretario generale di Anci Lombardia, di Paola Ravelli, di Europe Direct Lombardia il centro informativo della Ue attivato da Regione Lombardia ed è stato moderato da Federico De Vettori, SEAV Coach della Città metropolitana di Milano.

L’incontro è servito a illustrare nel dettaglio lo schema della Convenzione, previsto dal Testo Unico sugli Enti locali, che regolamenta la cooperazione amministrativa e che rappresenterà la carta d’identità del SEAV territoriale e gli enti dell’area metropolitana che ne faranno parte. Conterrà nel dettaglio anche gli strumenti con i quali l’Ufficio Europa lavorerà in rete, con il supporto di Anci, per rispondere ai bisogni dei cittadini grazie ai finanziamenti diretti previsti dalla programmazione europea. La Convenzione, hanno convenuto i partecipanti al seminario di oggi, potrà essere approvata dai Consigli comunali dei Comuni che vorranno aderirvi tra la fine di maggio e i primi di giugno.

“I programmi a gestione diretta – ha spiegato Pacente – sono soltanto un pezzetto delle risorse europee disponibili per lo sviluppo territoriale e rappresentano un'occasione per i comuni medi e piccoli che fanno rete, di poter cogliere opportunità in termini di finanziamenti ma anche di entrare in network europei che possono moltiplicare ulteriormente le occasioni di crescita e di relazione per scambiare esperienze nella gestione dei servizi pubblici locali. La missione strategica di Anci però è anche quella di rafforzare il ruolo dei comuni nella definizione della governance dei fondi strutturali e di investimento europei, che decide la destinazione delle ingenti risorse europee che passano dai programmi nazionali e regionali. E in questa particolare fase storica anche quella di aiutare i comuni ad attuare il Piano nazionale di ripresa e resilienza PNRR a livello locale”.

“Il premier Draghi – ha aggiunto Longoni - ha garantito che una parte consistente dei programmi e delle risorse del PNRR saranno gestite e attuate dai Comuni. Il progetto Lombardia Europa 2020 ci aiuta a essere pronti. Nell’area metropolitana si sono già attivati gruppi di lavoro sull’innovazione nella Pubblica amministrazione, ad esempio quello guidato dal Comune di Cinisello Balsamo, e sul Green deal. Il Seav consente di attivare un servizio finanziato con risorse europee a disposizione dei Comuni, anche quelli piccoli. In Lombardia contiamo solo 44 Uffici Europa su 1500 comuni, principalmente concentrati nelle grandi città come Milano, Bergamo, Brescia. Il progetto, aperto a nuove adesioni da parte degli enti locali del milanese e che in tutte le province sta raccogliendo ottimi risultati di partecipazione e attivazione, vuole aiutare tutti i territori a cogliere le opportunità europee”.

Paola Ravelli, responsabile della struttura informativa della Commissione europea attivata da Regione Lombardia, ha ricordato come sia di grande interesse per i Comuni anche la delibera di Palazzo Lombardia che ha approvato le linee di indirizzo per il Piano operativo regionale (Por Fesr e Por Fse) per la redazione dei programmi relativi ai Fondi strutturali di Investimento europei che per il periodo 2021-2027 potrà contare su una dotazione di 1,5 miliardi di euro.   

 

Nella foto Carmine Pacente

Non sono presenti aree di interesse

Commenti

Nessun commento

Non c'è ancora nessun commento

Lascia un commento

Occorre effettuare il login per inviare un commento

Agenda

News

Lombardia Europa 2020

Pubblicato martedì 14 settembre 2021

Anche Bergamo attiva l'Ufficio Europa provinciale

Più di 100 comuni aderiscono al nuovo servizio approvando la convenzione in Consiglio comunale

di Redazione Lombardia Europa 2020

Presentato in Provincia il SEAV alla presenza di una cinquantina di amministratori locali. Entrano subito anche 4 comunità montane...

Non sono presenti aree di interesse


Lombardia Europa 2020

Pubblicato venerdì 3 settembre 2021

La carica dei 400

Tanti i Comuni che hanno sinora aderito al SEAV. Il punto nell'ultimo numero del giornale

di Redazione Lombardia Europa 2020

Altri 180 comuni si uniscono al progetto. Gli aggiornamenti sul 4 numero del giornale. A settembre Milano, Bergamo, Lodi chiuderanno il giro...

Non sono presenti aree di interesse


Lombardia Europa 2020

Pubblicato lunedì 16 agosto 2021

Più di 60 comuni aderiscono al Seav Comasco

Altri comuni pronti ad aderire e si uniranno presto, assicura il Presidente Bongiasca

di Redazione Lombardia Europa 2020

"Grazie all'Ufficio Europa lavoreremo nell'interesse di tutti i comuni, anche di quelli piccoli senza capacità organizzativa. Da settembre al lavoro, dalla tutela del territorio alla valorizzazione turistica"...

Non sono presenti aree di interesse


Realizzato con il sostegno di

Realizzato con il Sostegno